Teleducato, quattro licenziamenti. E i giornalisti trattano

Nei giorni scorsi quattro dipendenti di Teleducato – tra amministrativi e tecnici – sono stati licenziati. Ragion per cui oggi, 6 novembre, è previsto uno sciopero. Continua invece la trattativa per gli esuberi dei giornalisti. Ricordo che Teleducato ha due redazioni: Parma e Piacenza. Nell’esprime la mia solidarietà ai colleghi e a tutti i lavoratori dell’emittente, pubblico il comunicato congiunto di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil emesso ieri, 5 novembre, a seguito del licenziamento di quattro lavoratori e, più sotto, la solidarietà espressa da Cdr e Rsu della Gazzetta di Parma. Lo spazio di questo sito è disponibile per qualsiasi altro soggetto che volesse comunicare la propria posizione in merito alla vicenda.

Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil:
“Dopo averli annunciati, l’azienda ha comunicato i primi 4 licenziamenti ad altrettanti lavoratori (3 di Parma ed 1 di Piacenza). Si tratta di un fatto gravissimo e inaccettabile, non giustificato da ragioni tecnico-organizzative. Infatti non ci sarebbe nessun esubero, soprattutto dopo le dimissioni che si sono susseguite negli ultimi mesi. Non solo, in questo modo verrebbe meno la possibilità di garantire il normale svolgimento dell’attività aziendale se non fosse che l’azienda ha già deciso di sostituire i lavoratori licenziati con collaboratori esterni. Inoltre, i lavoratori licenziati vengono privati della possibilità di ricorrere a tutti gli ammortizzatori sociali ad oggi disponibili. Per l’ennesima volta si crede erroneamente di poter risolvere una crisi economico-finanziaria intervenendo sul costo del lavoro, licenziando per poi ricorrere a lavoratori precari e ricattabili mettendo così in discussione il futuro dell’intera azienda ed il modo in cui vi si lavora, oltre al diritto per ogni cittadino ad un’informazione libera e plurale. Per chiedere l’immediata revoca dei licenziamenti e l’apertura di un tavolo che possa portare all’individuazione di soluzioni alternative, a partire dall’utilizzo degli ammortizzatori sociali in deroga, le segreterie provinciali di SLC CGIL, FISTEL CISL e UILCOM UIL annunciano che i lavoratori di Teleducato sciopereranno per tutta la giornata di martedì 6 novembre attuando un presidio davanti all’azienda a partire dalle ore 18.00 e garantendo la sola lettura dei notiziari”.

Cdr e Rsu Gazzetta di Parma:
“I giornalisti e i poligrafici della Gazzetta di Parma vogliono richiamare l’attenzione sulla difficile situazione dei lavoratori di Teleducato oggi in sciopero per i licenziamenti di quattro tra tecnici e impiegati. Licenziamenti decisi dall’azienda senza neanche attivare, pur potendolo fare, gli ammortizzatori sociali disponibili. Ai colleghi di Teleducato Cdr e Rsu della Gazzetta di Parma esprimono la propria solidarietà”.

Matteo Billi

Commenti 1

  1. […] da matteobilli.it – “Nell’esprimere la mia solidarietà ai colleghi e a tutti i lavoratori dell’emittente, pubblico il comunicato congiunto di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil emesso ieri, 5 novembre, a seguito del licenziamento di quattro lavoratori e, più sotto, la solidarietà espressa da Cdr e Rsu della Gazzetta di Parma. Lo spazio di questo sito è disponibile per qualsiasi altro soggetto che volesse comunicare la propria posizione in merito alla vicenda.” (M.Billi) Share this:StampaEmailFacebookTwitterLike this:Mi piaceBe the first to like this. Lascia un commento […]

Commenti chiusi.