I silenzi dei maschi

Non amo molto le manifestazioni di piazza però sono d’accordo che sia necessario, in determinati casi, esprimere in modo chiaro il proprio pensiero. Soprattutto quando da più parti viene rimarcato il silezio degli uomini, dei maschi, circa le vicende che coinvolgono il presidente del Consiglio (ma non solo) e la mercificazione della donna. Nei silenzi dei maschi “c’è ancora troppa omertà, nascosta compiacenza e forse sottile invidia” scrive Chiara Santomiero su Zenit.org (clicca qui per l’articolo completo). Per gli altri non posso parlare anche se conosco tanti uomini che come me sono indignati dallo spettacolo di queste settimane. La speranza però è che di questi temi si continui a parlare anche quando il RubyGate sarà solo il ricordo di una delle pagine più nere della politica italiana ma la dignità di migliaia di donne, in Italia e nel Mondo, continuerà ad essere messa in discussione e relegata a qualche accenno sui media nostrani.

Matteo Billi